Calcola il tuo peso forma ideale in menopausa [con formula spiegata]

Il calcolo del peso forma ideale è molto semplice, ed è un ottimo punto di partenza per iniziare a lavorare al raggiungimento del peso più adatto a te. Ecco come si calcola il peso forma ideale, ma attenzione: non basta occuparsi solo del peso. Ecco perché.

Cos’è la formula del peso forma ideale

Durante la menopausa la sfida per tenere il peso sotto controllo ti può apparire più ardua che nel passato poiché hai la sensazione di non riconoscere più il tuo corpo e le sue reazioni. È normale e in gran parte dipende dai profondi cambiamenti ormonali che la menopausa determina. 

In un percorso di recupero della forma fisica, conoscere il cosiddetto peso ideale è indubbiamente un’informazione importante che aiuta a fissare gli obiettivi e una strategia per raggiungerli. 

Di seguito troverai una formula ragionata e spiegata nei dettagli per calcolare il tuo peso, ma lasciati dire una cosa prima: attenzione ai falsi miti. E il peso può essere uno di quei miti fuorvianti, perché ci rivela solo una parte di quello che dovremmo sapere del nostro corpo e nulla sul nostro effettivo stato di forma

La misurazione del peso, infatti, ci dice solo quanto misuriamo in chilogrammi, ma non distingue affatto tra massa grassa, l’unica da eliminare, massa magra, da rafforzare, e acqua. Conoscere e valutare l’insieme di questi fattori è determinante per recuperare la forma top di sempre e magari migliorarla. 

Un obiettivo, questo, facilmente raggiungibile con un approccio integrato al recupero della forma fisica, che senza stress e privazioni inutili, ti accompagni con gradualità e tranquillità verso risultati duraturi e un nuovo stile di vita.

La bilancia allora diventerà un’alleata e non l’ingannevole specchio della matrigna di Biancaneve da sfidare ogni mattina.

Calcola il tuo peso

Esistono vari modi per calcolare il peso ideale, alcuni dei quali danno un numero unico e definitivo, una specie di feticcio. Ignorali: meglio determinare un intervallo di peso entro il quale dovresti stare. 

Ma attenzione: stiamo parlando comunque di riferimenti statistici, che ti possono aiutare ad orientarti, ma non stiamo parlando di te, delle tue esigenze specifiche e della forma che effettivamente potrai raggiungere.

Quella sta esclusivamente a te e non è la media di quanto ottengono gli altri (questo dicono le tabelle), l’età o la menopausa che possono porti dei limiti. Qualunque siano i tuoi anni, c’è una crisalide in te, pronta a mettere le ali. 

Per definire l’intervallo di peso cosiddetto ideale occorre un semplice calcolo matematico.

Il parametro più utilizzato per precisare quale sia il peso più adatto a ciascuno è il celebre Indice di Massa CorporeaIMC (o, in inglese, Body Mass Index, BMI), elaborato quasi 200 anni fa dal matematico belga Adolphe Quetelet, ma utilizzato ampiamente ancora oggi.

Si tratta di un indicatore che fornisce un criterio orientativo generale sul peso corporeo, e classifica i soggetti in una scala che va da “sottopeso” a “normopeso”, fino a “sovrappeso” e “obesità”.

Gli elementi che vengono considerati nel calcolo sono due: l’altezza e il peso. Il valore risultante può poi essere messo in relazione sia al sesso che all’età del soggetto.

La formula per il calcolo dell’indice di massa corporea è questa: la divisione tra il peso, espresso in chilogrammi, e il quadrato dell’altezza, espressa in metri. In altre parole:

IMC = peso in chili / (altezza per altezza, in metri)

Se, per esempio, pesi 55 kg e sei alta 1,70 m, dovrai fare la seguente operazione: 55 / (1,70 x 1,70). Il risultato, approssimando, è 19. Se invece sei alta 1,75 m e pesi 70 kg, il risultato sarà circa 23, e così via.

Ma come si interpreta il risultato del calcolo? L’indice di massa corporea risultante va messo in relazione al quadro di riferimento, rilasciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e accettato dai medici di tutto il mondo, che classifica i diversi indici secondo la scala già menzionata, da “sottopeso” a “obesità”.

Ecco il quadro ufficiale di riferimento per il sesso femminile (per gli uomini i valori sono più alti), diviso in base alle diverse fasce d’età:

Età Sottopeso Normale Sovrappeso Obesità Obesità grave
18 – 24 < 19 19 – 24 24 – 29 29 – 39 > 39
25 – 34 < 20 20 – 25 25 – 30 30 – 40 > 40
35 – 44 < 21 21 – 26 26 – 31 31 – 41 > 41
45 – 54 < 22 22 – 27 27 – 32 32 – 42 > 42
55 – 64 < 23 23 – 28 28 – 33 33 – 43 > 43
65+ < 24 24 – 29 29 – 34 34 – 44 > 44

Come si nota facilmente, l’indice di massa corporea standard subisce un aumento con gli anni. È per questo motivo che le donne in menopausa hanno un IMC ideale differente rispetto a quello di un’adolescente o di una giovane donna. E questo è uno dei motivi per i quale ti sembra che il tuo corpo reagisca in maniera diversa alle tue sollecitazioni.

In sintesi, con questo calcolo, puoi comprendere facilmente se il tuo peso è quello più consigliato per la tua età, o se ti trovi in una condizione di peso inferiore o superiore. Ma non sai nulla sul tuo stato di forma e sulla composizione di quel peso.

Il metodo Be Perfect

Questo vuol dire che le formule vanno sempre considerate come indicatori generali. Sta a te, poi, partire da questi calcoli per scoprire qual è il tuo peso forma ideale, quello che ti garantisce una sensazione di benessere maggiore. Scopri come fare!

Scopri i segreti per restare in forma in menopausa

A questo punto, ora che sai calcolare con certezza quanto dovresti pesare, ti faccio una domanda: se il tuo BMI normale è 22-27 (quindi se sei tra i 45 e i 54 anni) e sei alta 1,70, significa che il tuo peso ideale è compreso tra 64 e 77 chili. Ora staresti meglio se pesassi 78 chili con 4 di grasso corporeo o 64 con 10 chili di grasso? La risposta la conosci anche tu e la differenza tra l’essere in forma o meno è quasi tutta lì.

Ti dirò di più: il peso è un obiettivo falso se non parti dai fondamentali di un lifestyle radicalmente rinnovato che faccia leva su abitudini sane e naturali, senza scorciatoie e compromessi. Diete drastiche, allenamenti sfiancanti, pillole, polveri, unguenti, creme e tutte le altre “soluzioni magiche” sul mercato sono solo palliativi che ti distraggono da te stessa e ti fanno perdere tempo.

Una remise en forme che sia duratura e soddisfacente tiene conto di tutti i parametri essenziali, primo tra tutti il rapporto tra massa grassa e massa magra. Molte diete propongono risultati strabilianti in pochissimo tempo a costo di privazioni alimentari severe e di allenamenti sfiancanti. Il loro scopo è promettere un calo di peso che però spesso neanche avviene. 

Troppi sacrifici scoraggiano anche le migliori intenzioni e fiaccano anche le donne più motivate. E se pure si raggiunge il cosiddetto peso ideale, l’effetto di certe diete è quello di averci fatto perdere massa magra e non massa grassa. Cioè ci hanno fatto perdere i muscoli che bruciano più calorie, abbassando ulteriormente il nostro metabolismo. Non solo: ci hanno infiacchito in termini di forza fisica ed entusiasmo. Il risultato è che quasi sempre si recupererà il peso iniziale (o anche peggio) e ricominciare il percorso di rimessa in forma diventerà proibitivo o quasi. 

Infatti, i cambiamenti ormonali della menopausa abbassano il metabolismo: è quello che ti fa ingrassare, magari sui fianchi o sulla pancia. Abbassare ulteriormente  il metabolismo perdendo massa magra è la peggior cosa che si possa fare.

Se vuoi raggiungere e mantenere il tuo peso forma ideale in menopausa, devi conoscere i principali segreti e consigli per uno stile di vita corretto, rispettoso della salute e finalizzato al tuo obiettivo.

Si tratta di poche semplici regole che, con delicatezza e senza soluzioni drastiche, possono portarti in tempi ragionevoli (i tempi del tuo corpo, cioè!) a ottenere risultati duraturi e a non indebolire la tua motivazione:

  • Alimentazione: una donna in menopausa necessita di un diverso apporto di calorie, e di nutrienti specifici, per evitare i disturbi tipici di quest’età. Devi seguire delle abitudini alimentari regolari, con 3 pasti principali e 2 merende ogni giorno. Consuma molte verdure, soprattutto a cena, e aumenta le dosi di pesceformaggi magri e freschi, olio extravergine; evita di mangiare cibi troppo zuccherini (inclusi certi tipi di frutta), troppo salati o troppo grassi. Quanto ai metodi di cottura, adotta se possibile quelli più semplici, che riducono la quantità di grasso dei cibi, come il forno, il grill, la cottura a vapore.
  • Idratazione: bere molta acqua è importante per purificare il corpo, prevenire la ritenzione idrica ed eliminare le tossine.
  • Allenamento: cominciando con moderazione e proseguendo con gradualità e costanza, senza sforzi eccessivi. Pratica esercizi semplici come la corsa, la camminata, il fitness o il nuoto. 
  • Motivazione: ricorda sempre perché lo stai facendo (prenderti cura di te stessa), magari aiutandoti con sessioni di yoga, meditazione o respirazione, per raggiungere un rilassamento profondo e sfruttare l’energia che ti circonda.

Rinuncia ai rimedi drastici e alle scorciatoie estreme, che non ti faranno mantenere nel tempo i risultati che desideri, e applicati invece con precisione e responsabilità al tuo benessere. E vedrai che al peso penserai meno di una volta.

Daniele Tarozzi

Il metodo Be Perfect

Con il metodo Be Perfect scoprirai che non servono allenamenti massacranti e soluzioni drastiche. L’importante è seguire alcuni step fondamentali. Scopri quali!

[Voti: 0   Media: 0/5]

Pin It on Pinterest